Archivi tag: prestazioni atletiche

Ipnosi nello Sport

snowboard

Ipnosi Neo-Ericksoniana e Psicologia dello Sport

Questo studio riporta una integrazione di programma psicologico che include ipnosi neo-ericksoniana, imagery guidata e intervento educativo sulle abilità mentali rivolto ad un atleta di alto livello praticante Snowboard, disciplina Boardercross.

Il programma è stato distribuito in 8 incontri distribuiti in un periodo di circa 10 mesi.

La prima fase o fase educativa è stata finalizzata ad una corretta comprensione del concetto di abilità mentale per assicurare una migliore adesione al protocollo di intervento e all’ instaurarsi di un giusto clima emotivo.

La seconda fase o fase esperienziale ha compreso da un colloquio sulle difficoltà di volta in volta riferite dall’atleta e una sperimentazione delle tecniche ipnotiche e di imagery guidata, sull’importanza a gestire l’ansia agonistica e al rinforzo dell’io dell’atleta.

Sono stati somministrati i reattivi (Inventario Psicologico della Prestazione Sportiva, PCQ, CSAI-2 e Self Efficacy Test). Il programma ha consentito un miglioramento delle abilità mentali di Imagery e Self talk, della fiducia e della riduzione dell’ansia cognitiva. La riduzione relativa ai disturbi della concentrazione ha contribuito all’instaurarsi di un diverso atteggiamento in gara portando l’atleta a raggiungere ottime prestazioni in classifica generale.

Questo programma si è rivelato un valido strumento per aiutare atleti professionisti ad affrontare con maggiore serenità e in maniera più efficace le sfide con cui confrontarsi.

Bibliografia:

Cristina Rupani Psicologa e Psicoterapeuta
Gianfranco Gramaccioni , medico psicoterapeuta facoltà di Psicologia Università di Chieti, Pres. Naz. AIPS
Silvia Giacosa, Psicologa e Psicoterapeuta, Presidente AMISI, Milano
Atti Congresso AMISI, Milano , 2015
Università Bicocca


La prestazione sportiva nella psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana

Consiglio a chiunque di fare l’ipnosi, indipendentemente dall’attività sportiva, senza questa preparazione non sarei riuscito a concludere il record.

Ha dichiarato Danilo Bernasconi nelle interviste post-record, sottolineando come ci sia stata sempre, nei momenti di difficoltà, una sorta di spinta da dentro a continuare.

Il Dott. Carta e il Dott. Gabrielli pongono l’attenzione, nello studio di questi casi, sull’approccio alle dinamiche che interessano due record del mondo: Danilo Bernasconi (50 ore e 7 minuti in immersione) Daniele Cassioli (record di guida per un non vedente).

Viene approfondito l’utilizzo della psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana come strumento privilegiato per sintetizzare compiutamente, in fase preparatoria, espressioni esistenziali e dinamiche funzionali e prestazionali.

La psicoterapia neo-ericksoniana si pone come scopo principale quello di accedere al potenziale inconscio e alla capacità naturale ad apprendere del paziente/atleta, depotenziandone, allo stesso tempo, gli schemi limitanti.

Uscendo dalla prospettiva legata unicamente all’incremento della performance, si possono cogliere anche aspetti di difficoltà personale che possono limitare la prestazione atletica, prestando attenzione all’aspetto psicologico ed esistenziale e lasciando sullo sfondo l’incremento delle prestazioni.

L’aspetto mentale assume la massima centralità nella preparazione dei record del mondo. L’ intrinseca necessità di spingere l’atleta oltre alle normali prestazioni, porta ad una cura dei minimi dettagli.

Spesso le ansie generalizzate, disadattamento all’ambiente, crollo delle motivazioni sono motivo di fallimento. E’ allora necessaria una psicoterapia che possa fare riscoprire all’atleta quelle che sono le sue potenzialità e le sue risorse, a volte già sperimentate, ma dimenticate.

La psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana ha dimostrato le sue possibilità di lavorare in uno stato modificato di coscienza e ha dato prova di essere un validissimo strumento per proporre una crescita che abbraccia l’aspetto personale e atletico.
Bibliografia:
Atti del XVI Congresso Nazionale AMISI

Andrea Carta e Fabio Gabrielli, Facoltà Scienze Umane, Università Lugano


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: